Palazzo reale Open today 10.00-16.00

Appartamenti di rappresentanza

Con questo termine collettivo si designano i magnifici appartamenti da parata utilizzati per le funzioni di rappresentanza del re e della regina. Qui potrai passeggiare per conto tuo o partecipare a una delle visite guidate giornaliere.*

*Gli appartamenti potrebbero essere chiusi del tutto o in parte a seconda degli impegni di rappresentanza di Sua Maestà.

Scopri gli Appartamenti delle feste, sede di pranzi di gala, consigli e ricevimenti di stato, gli Appartamenti degli ospiti, luogo di accoglienza di capi di stato in visita ufficiale, e gli Appartamenti Bernadotte, destinati al conferimento di onorificenze e a udienze solenni.

Gli arredi ottimamente conservati offrono uno spaccato della storia dal XVIII secolo in avanti, in cui ogni sovrano ha lasciato tracce del suo passaggio. Qui, tra l’altro, è possibile ammirare la camera da letto da parata di Gustavo III, la sala di scrittura di Oscar II e la stanza allestita più di recente: la Stanza dell’Anniversario di Carlo XVI Gustavo di Svezia.

Tra gli appartamenti di rappresentanza si annoverano anche la Sala di Stato con il trono d’argento della regina Cristina e le Sale degli Ordini ospitanti una mostra permanente dedicata agli ordini cavallereschi reali.

Appartamenti Bernadotte

Gli appartamenti Bernadotte sono situati nell’ala nord del palazzo e constano di 14 stanze. Qui torna a vivere la storia più antica del palazzo: risale al 1754, anno in cui re Adolfo Federico e la regina Luisa Ulrica vi si stabilirono fissandovi la propria dimora.

La Sala della Colonna, situata nell’angolo nord-ovest degli appartamenti, era originariamente la sala da pranzo di Adolfo Federico. Oggi lo stile della stanza richiama in primis quello del 1780, anno in cui Gustavo III ne commissionò il rimodernamento.

Superata la Sala della Colonna, si giunge al Salone Vittoria, nel pieno sfarzo del XIX secolo, tra candelabri e tappetti di dimensioni imponenti. La sala è un esempio lampante di stile vittoriano.

Nella Galleria Bernadotte ritroviamo quadri di quasi tutti i più antichi membri della casa reale. È certamente un luogo d’eccezione dove rievocare la storia di Carlo XIV Giovanni, rivivendo i primi turbolenti anni del XIX secolo.

Le stanze successive sono adibite alle udienze formali. Adiacente ad esse troviamo la Stanza del Giubileo di recente allestimento, vero e proprio simbolo dell’artigianato artistico contemporaneo.

Nell’ultima stanza dell’appartamento la collezione della galleria si arricchisce di un’ulteriore serie di dipinti della famiglia reale. Qui, fra gli altri, spiccano quelli di Gustavo VI Adolfo, della principessa ereditaria Margherita e dell’attuale coppia reale: il re Carlo XVI Gustavo e la regina Silvia.

Appartamenti delle Feste

Gli Appartamenti delle Feste sono formati da nove stanze da parata. Il progetto originale venne realizzato dall’architetto di palazzo Nicodemus Tessin il Giovane all’epoca dell’Impero Svedese. Sebbene non ultimati del tutto, gli appartamenti non hanno eguali in Scandinavia.

Nell’angolo nord degli Appartamenti delle Feste è situata la Sala del Consiglio: una stanza utilizzata nell’attualità per incontri informativi e consultivi tra il Re e il governo. Qui, originariamente, si trovava la sala da pranzo di Gustavo III, dove si tenevano pranzi e cene pubblici i cui unici commensali erano membri della casa reale circondati da altri ospiti che restavano a guardare!

Superate alcune stanze ci si imbatte nella camera da letto da parata di Gustavo III. In questa stanza il sovrano spirò in seguito alle ferite d’arma da fuoco infertegli da Ankarström due settimane prima.

Il vano seguente, la galleria di Carlo XI, richiama lo stile della galleria degli specchi di Versailles. Qui il soffitto è dominato da un imponente affresco raffigurante la guerra di Scania di Carlo XI nel 1670. Ma la sala forse è più celebre in quanto sede dei pranzi di rappresentanza che oggi vi hanno luogo. Ancora una volta abbiamo modo di rivivere avvenimenti storici dell’Impero Svedese, nonché di scorgere l’attuale funzione rappresentativa del palazzo.

L’ultima stanza degli appartamenti è la sala da ballo del castello, meglio nota come “Sala da ballo bianca”: ormai non più deputata alle danze, la stanza continua a fungere da luogo conviviale in cui si tengono i pranzi di rappresentanza annuali.

Appartamenti degli Ospiti

Gli Appartamenti degli Ospiti sono arredati da mobili di diverse epoche, realizzati principalmente a Stoccolma nel corso del XVIII e del XIX secolo. Per gli appassionati di storia degli stili artistici, gli appartamenti sono pertanto una meta da visitare imprescindibile.

Si tratta di una storia che può trarre nuova linfa anche da quella contemporanea: ogni nuova visita di stato diventa un grande evento che coinvolge l’intero palazzo.

Sala di Stato

I magnifici lavori di arredamento vennero diretti dall’architetto Carl Hårleman, che diede forma alla sala nel pieno rispetto dei disegni di Nicodemus Tessin il Giovane.

Realizzata per ospitare l’insediamento del parlamento nel 1775, la sala era sede di incontri collettivi dei deputati durante la presidenza del re. Nel corso del tempo, la Sala di Stato è stata teatro di grandi avvenimenti simbolici e qui il re ha solennemente avviato i lavori parlamentari ogni anno fino al 1975. Oggi la Sala di Stato viene utilizzata in occasione di cerimonie ufficiali.

Nella Sala di Stato campeggia il Trono d’argento: una delle attrattive principali del palazzo.

Sale degli Ordini

Le Sale degli Ordini ospitano una mostra permanente dedicata agli ordini cavallereschi reali. L’esposizione si estende su quattro sale, una per ogni ordine:

l’Ordine Reale dei Serafini è la massima onorificenza svedese, ha un unico grado, e viene conferita unicamente a membri della casa reale svedese e a capi di stato stranieri. A tale ordine appartiene anche la medaglia dei Serafini, al momento concessa da Sua Maestà il re.

L’Ordine della Spada, originariamente conferito per il coraggio dimostrato in battaglia e in mare, divenne successivamente un premio per lunghi anni di attività al servizio delle forze armate. Uno speciale grado è costituito dalla dignità di cavaliere della Gran Croce dell’Ordine della Spada, concessa solo quando la Svezia si trova in stato di guerra. L’ordine è quiescente dal 1975.

L’Ordine della Stella Polare in passato veniva conferito quale riconoscimento a cittadini svedesi o stranieri emeriti per la dedizione al dovere, le scienze, le lettere, l'insegnamento e l'utilità per le nuove opere e le istituzioni benefiche. Tra le insegne dell’ordine spicca anche una medaglia speciale: la Medaglia della Stella Polare, istituita nel 1986. Dal 1975 l’Ordine della Stella Polare viene assegnato unicamente a cittadini stranieri (e ad alcuni apolidi) per l’impegno personale e gli atti compiuti nell’interesse della Svezia.

L’Ordine di Vasa era previsto come ricompensa per servizi resi in una serie di ambiti per cui non potevano essere presi in considerazione gli ordini della Spada e della Stella Polare. L’ordine poteva essere conferito in primis a persone che si erano contraddistinte positivamente nel settore agrario e minerario, nello sviluppo tecnico e nel commercio, nonché nel campo delle belle arti. L’Ordine di Vasa era libero, ovvero slegato da qualsiasi norma, anzianità, nascita o grado di istruzione. L’ordine è quiescente dal 1975.

In alto: La galleria di Carlo XI negli Appartamenti delle Feste fu creata sull’esempio della galleria degli specchi di Versailles. Foto: Corte Reale Svedese

La Sala della Colonna, utilizzata originariamente come sala da pranzo, fu poi modernizzata da Gustavo III. Foto: Corte Reale Svedese

Ritratto di Madonna con bambino, dalla collezione della galleria. Foto: Corte Reale Svedese

La galleria di Carlo XI negli Appartamenti delle Feste, allestita in occasione della cena di gala dei premi Nobel. Foto: Corte Reale Svedese

Atlante che regge un globo celeste. Dalla collezione della Camera del Tesoro di Edvige Eleonora, collocata nella sala delle guardie del corpo negli Appartamenti delle Feste. Foto: Alexis Daflos/Corte Reale Svedese

La Sala di Stato si trova di fronte alla chiesa del palazzo. Foto: Corte Reale Svedese

L’Ordine dei Serafini è la più alta onorificenza tra gli ordini cavallereschi della corona svedese. Foto: Corte Reale Svedese

La sala dell’Ordine di Vasa, una delle quattro stanze dedicate agli ordini cavallereschi della corona svedese, che ospita un’esposizione permanente di medaglie. Foto: Alexis Daflos/Corte Reale Svedese

Visit us

Guided tours Open today 10.00-16.00
For children Open today 10.00-16.00

The palace's grand state rooms, the mediaeval gate at the Tre Kronor Museum and the crowns in the Treasury are just a few of the exciting...

Read more

Discover more at Palazzo reale

Appartamenti di rappresentanza Open today 10.00-16.00

Con questo termine collettivo si designano i magnifici appartamenti da parata utilizzati per le funzioni di rappresentanza del re e della...

Read more
La storia del Palazzo reale Open today 10.00-16.00

Centro d’attenzione del continente europeo sin dalla sua nascita nel XVII secolo, il palazzo è oggi uno degli edifici distintivi del baro...

Read more

Customer service

Opening hours: Open today 10.00-16.00